Chiacchiera
Avatar STEF60
STEF60livello 13
19 Giugno - 3.815 visualizzazioni
Chi era Fabio Ridolfi e perché non ha avuto accesso al suicidio assistito
Fabio Ridolfi è scomparso all'età 46 anni. L'uomo abitava a Fermignano e da 18 anni conviveva con la tetraparesi da rottura dell'arteria basilare, con conseguente immobilità del proprio corpo: Fabio era costretto a letto 24 ore su 24, tanto che poteva comunicare unicamente attraverso un puntatore oculare.

A causa di questa sua particolare condizione, Ridolfi è passato alle cronache italiane per esser stato il terzo marchigiano a chiedere (per poi ottenere) il suicidio assistito. E lo ha fatto attraverso un appello del 18 maggio scorso: “Gentile Stato italiano, da 18 anni sono ridotto così. Ogni giorno la mia condizione diventa sempre più insostenibile. Aiutami a morire”.

Il messaggio di Ridolfi è stato accompagnato da una segnalazione dell'Associazione Luca Coscioni, che ha lamentato un presunto ritardo da parte dell'Azienda Sanitaria Unica Regionale delle Marche nel dare il via libera alla pratica, nonostante la relazione medica al Comitato Etico fosse stata inviata il 15 marzo 2022.

E in effetti, a distanza di 24 ore dall'appello del marchigiano, l'Associazione
ha comunicato che il parere a favore del suicidio assistito nel caso Ridolfi era stato ammesso l'8 aprile 2022, ma nessuno a 40 giorni distanza aveva avvertito il diretto interessato. Dopo questa scoperta, Fabio era diventato il secondo italiano ad aver ottenuto l'accesso al suicidio assistito, dopo il caso del novembre 2021 di Mario (nome di fantasia), un 43enne paralizzato da 10 anni a causa di un incidente stradale.
Nonostante il via libera al suicidio assistito però, non erano stati spiegati i dettagli riguardanti il farmaco da utilizzare e la modalità di somministrazione. Un vuoto decisionale a cui Ridolfi decise di rispondere il 27 maggio 2022, diffidando l'ASUR Marche dal rispondere a tale ritardo in tempi celeri.
Ma alla fine il 6 giugno 2022 il 46enne marchigiano ha cambiato rotta, optando per la sedazione profonda: “Da due mesi la mia sofferenza è stata riconosciuta come insopportabile. Ho tutte le condizioni per essere aiutato a morire. Ma lo Stato mi ignora. A questo punto scelgo la sedazione profonda e continua anche se prolunga lo strazio per chi mi vuole bene”. E così, poi, la notizia della sua morte, arrivata qualche ora fa.
Leggi tutto...
Vaccataloadingricarica