Chiacchiera
Avatar Wormhole
Wormholelivello 9
1 Agosto - 3.166 visualizzazioni
Adulto è colui che ha preso in carico il bambino che è stato, ne è diventato il padre o la madre.
Adulto è colui che ha curato le ferite della propria infanzia, guardandole in faccia, non nascondendo il bambino ferito che è stato, ma rispettandolo e riconoscendone la verità dei sentimenti passati, che se non ascoltati diventano presenti, futuri, eterni.
Adulto è colui che smette di cercare i propri genitori ovunque, e ciò che loro non hanno saputo o potuto dare.
è qualcuno che non cerca compiacimento, rapporti privilegiati, amore incondizionato, senso per la propria esistenza nel partner, nei figli, nei colleghi, negli amici.
Adulto è chi si assume le proprie responsabilità, ma non quelle come timbrare il cartellino, pagare le bollette o aggiustare le lavatrici. Ma le responsabilità delle proprie scelte, delle proprie azioni, delle proprie paure e delle proprie fragilità.
Responsabile è chi prende la propria vita in carico, senza più attribuire colpe alla crisi, al governo ladro, al sindaco che scalda la poltrona, alla società malata, ai piccioni che portano le malattie e all'insegnante delle elementari che era frustrata.
Sembrano adulti ma non lo sono.
Io ho paura di questi
“bambini feriti” travestiti da adulti, perché se un bambino ferito urla e scalcia, un adulto che nega le proprie emozioni è pronto a fare qualsiasi cosa.
Un bambino ferito travestito da adulto è una bomba ad orologeria.
Ciò che separa il bambino dall'adulto, è la consapevolezza.
Ciò che separa l'illusione dalla consapevolezza è la capacità di sostenere l'onda d'urto della deflagrazione del dolore accumulato.
Ciò che rimane dopo che il dolore è uscito è amore, empatia, accettazione e leggerezza.
Non si giunge alla felicità attraverso la menzogna.
Non si può fingere di non aver vissuto la propria infanzia.
Non si può essere adulti se nessuno ha visto il bambino che siamo stati, noi per primi.
Adulto è colui che ha preso in carico il bambino che è stato e ne è diventato il padre o la madre.
Janusz Korczak
Leggi tutto...
Vaccataloadingricarica