loading

Leggende

Idolo della Community

Vaccheca

≡ Menu
Dettagli
Idolo
Post Unici: 22
Yeah: 0
Bleah: 0
Visite Totali: 3.022
Facciabuchini più attivi quì
Scrivi una vaccata:
Stai per caricare la seguente immagine:
share
Pubblica
Stai per caricare la seguente immagine:
Vaccata
Vaccata Erotica
Perla di Saggezza
Barzelletta
Solo per NERD
Meme Disegnato
Satira
Scherzo
Bestiaccia
Parodia Musicale
Pari Opportunità
Assurdo
Epic Fail
Felici e Dementi
Pubblicità Divertente
Chiacchiera
Vaccata
Avatar Lachiavesegreta
20 Giugno - 2.889 visualizzazioni
Artù sull'Etna (Mongibello)

Nei racconti di Gervasio e di Cesario una leggenda narra, rimandando necessariamente ad un'altra più antica, che Artù era capitato nell'Etna. Ora quei presupposti, quella leggenda più antica, noi li troviamo per l'appunto, almeno in parte, in un romanzo francese, la cui azione si svolge vivente ancora il re Artù.
Qui il Mongibello è una specie di regno fatato, dimora consueta di Morgana, sorella di Artù, e della numerosa famiglia di lei.
è quello che nei romanzi francesi del medio evo si chiama la féerie, il paese cioè o la città delle fate: c'estoit leur maistre chastel, dice il poeta, parlando di Morgana e delle sue compagne.
In esso Morgana conduce Floriant, figlio del re Elyadus di Sicilia, ucciso dal traditore Maragot, e ve lo fa educare.
Il luogo è assai piacente e ci si mena vita gioiosa: tra l'altro non ci si può morire. Floriant torna poi nel mondo, ma la buona Morgana, quando conosce ch'egli è presso a morire, lo attira di nuovo nell'incantato soggiorno, e ci fa venire anche Florète, moglie di lui. Artù ci verrà poi a suo tempo, come annunzia la stessa Morgana:

Li rois Artus, au defenir,
Mes frères i ert amenez.
Quant il sera a mort menez.

E una volta che Artù c'era venuto, ogni occasione era buona per fare che egli palesasse la sua presenza. Si capisce del resto come venutoci, egli dovesse diventare il personaggio principale, e far quasi dimenticare gli altri; e come la leggenda dovesse diventare più particolarmente la leggenda di Artù nell'Etna. E in fatti, nei racconti di Gervasio e di Cesario, Morgana non è neppur nominata; in quello del primo il monte è la curia di Artù: in quellodel secondo Artù è rappresentato come signore del monte.
In una assai strana poesia, appartenente, come pare, al secolo XIII, fue cavalieri, interrogati dell'esser loro da un misterioso personaggio, che si fachiamare gatto lupesco, rispondono:

Cavalieri siamo di Bretangna,
ke vengnamo de la montagna,
ka ll'omo apella Mongibello.
Assai vi semo stati ad ostello
per apparare ed invenire
la veritade di nostro sire,
lo re Artù k'avemo perduto
e non sapemo ke sia venuto.
Or ne torniamo in nostra terra
ne lo reame d'Inghilterra.

Qui, più che altro, si allude ad una certa credenza che Artù potesse essere nell'Etna, non si afferma che questi veramente ci sia. I cavalieri se ne tornano indietro senz'essersi potuti accertare del vero (e non sapemo ke sia venuto), e da tutto il passo traspare la solita incredulità italiana. Oltre che a quella credenza, vi è accennato, ma in modo indiretto, alla opinione che il re Artù dovesse tornare.
Da ciò che si è detto sin qui rimane provata, la esistenza, nei secoli XIII e XIV, di una vera e propria leggenda (non di una semplice immaginazione individuale), la quale poneva Artù nell'Etna, e rimane provato che la patria di questa leggenda era la Sicilia. Ma il tema non è per questo esaurito...
Leggi tutto...
Vaccataloadingricarica
Avatar T3SLA
T3SLA: C' è anche chi sostiene che Shakespeare era di origini siciliane...di quelle parti era la famiglia Scrollalanza...
Buon pranzo 🍝🍷🤗
 2
20 Giugno alle ore 12:32 · Ti stimo  · Rispondi
Avatar Lachiavesegreta
Lachiavesegreta: T3SLA buon pranzo a te 🍀🏹🗡️🛡️⚜️
 1
20 Giugno alle ore 12:47 · Ti stimo  · Rispondi
avatar
ok
pubblicità
Vaccata
Avatar Lachiavesegreta
18 Giugno - 2.502 visualizzazioni
Taliesin

Tanti, tantissimi anni fa, su un isolotto al centro del lago di Tegid viveva una bellissima dea, in un castello circondato da alberi millenari ed avvolto da un'edera cresciuta nella notte dei tempi. La dea veniva chiamata, tramite parole mortali Cerridwen.
Cerridwen amava molto la poesia, il canto e la musica ed intratteneva gli abitanti del suo regno fatato e tutte le creature del bosco, narrando loro racconti di epoche antiche, quando la pace regnava nel mondo e, nella natura, tutto era armonia e bellezza.
Cerridwen ebbe due figli.
Alla nascita del primo, bello come la madre, tutte le creature del lago e tutti i sudditi fecero grandi festeggiamenti: non si era mai visto, infatti, un bimbo più grazioso, tanto grazioso che anche i suoi pianti di neonato erano dolci melodie che incantavano tutti.
Il secondo figlio della dea nacque qualche anno dopo e, al contrario del fratello, era brutto, molto brutto. Nessuno se la sentiva di festeggiare la sua nascita ed anche Cerridwen era molto addolorata per questo suo bimbo. Pianse per notti intere, non riuscendo a farsi una ragione della bruttezza e della deformità del bambino, che ella amava anche più del primogenito.
Un
dì, finalmente, asciugatasi le lacrime che le rigavano copiose il volto, decise di fare qualcosa per il bambino: se la natura era stata avara con lui non donandogli la bellezza che meritava, ella gli avrebbe fatto un dono che lo avrebbe compensato, un dono meraviglioso, quello della poesia.
Così chiamò a sé Gwion, un ragazzino suo aiutante, e con lui cominciò a percorrere in lungo ed in largo tutta la foresta, tutte le verdi colline, tutte le montagne e tutti i pascoli di pianura alla ricerca delle erbe necessarie a preparare una pozione magica. Difatti, aveva trovato descritta in un librone antico la formula di un incantesimo che avrebbe potuto donare al figlioletto il fascino della poesia e dell'ispirazione.
Camminò per giorni e notti attraverso tutto il Galles, dormì, nelle fredde notti d'inverno, nelle case degli ospitali elfi dei boschi e, nelle calde estati, sotto il limpido cielo stellato di quelle terre. Dopo sette volte sette settimane, Cerridwen e Gwion ritornarono nella loro isola al centro del lago Tegid e la dea cominciò a preparare la magica pozione. Preparò un grande calderone, lo riempì con l'acqua del lago, accese un grande fuoco e mise a bollire le erbe che aveva raccolto.
Gwion era incaricato di controllare che le erbe bollissero a lungo e che il fuoco non fosse troppo vivace e, specialmente, che non si spegnesse mai. Gli abitanti del castello, aiutati dagli animali della foresta, erano tutti coinvolti nel procurare la legna necessaria a mantenere il fuoco sempre acceso sotto al calderone. La pozione sarebbe stata pronta soltanto dopo un'ebollizione della durata di un'intera luna, ventotto giorni e ventotto notti.

Cerridwen intanto, consultando il suo librone degli incantesimi, si era accorta che avrebbe dovuto raccogliere una quantità maggiore di erbe magiche; così si assentò e riprese a vagare per le colline. Quando tornò nella sua isola al centro del lago, nell'ultimo giorno della luna, diede a Gwion le nuove erbe che aveva raccolto; il ragazzo aggiunse le erbe alla pozione e, nel farlo, le prime tre gocce della pozione lo colpirono alle dita, scottandolo. Istintivamente egli portò alla bocca le dita e…
La magia lo avvolse all'improvviso.

Sentì che il suo corpo non aveva più peso; gli sembrava di volare nel cielo terso, ma, cosa ancor più strana, cominciò ad udire voci che provenivano da tutto il mondo ed a vedere il passato ed il futuro. Si sentì pervadere da una forza nuova, mai neppure concepita, prima di allora, da alcun essere umano. Ciò che vedeva e sentiva turbava moltissimo Gwion: si mise a correre per tutta l'isola, quasi a voler sfuggire all'incantesimo; lo sentiva troppo grande, immenso, incontenibile in una piccola mente umana!
Tutti, gli abitanti dell'isola si fermarono attoniti a guardare Gwion che sembrava impazzito e ne videro anche il cambiamento esteriore. Difatti ora non era più il ragazzino di qualche momento prima: ora era un giovane alto, bello, dagli occhi penetranti e luminosi; ma il suo sguardo sembrava spaventato, allibito, quasi assente.
Cerridwen, richiamata dalle grida di stupore che arrivavano fin dentro al castello, vide la nuova immagine di Gwion e subito capì. L'incantesimo, che ella aveva riservato al suo sfortunato figlio, si era, invece, impadronito di quel servitorello. Il volto della dea sbiancò, quasi svenne; tutto il mondo, il castello, l'isola, il lago, le colline, i monti, i fiumi, tutto cominciò a girarle attorno, come in un vortice. Non credeva a ciò che era avvenuto. Il fascino della poesia, anziché essere donato a suo figlio, era stato sprecato per quel misero Gwion!
Cerridwen sapeva che un solo essere umano avrebbe potuto ottenere l'incantesimo: per il figlio non ci sarebbe stato più nulla da fare. Allora la dea, che, sino a quel momento, era stata dolce, buona, gentile con tutti, a causa dell'enorme delusione ed esacerbata per il dolore, fu colta da rabbia accecante ed una cattiveria immensa si impadronì di lei. Cominciò ad inseguire Gwion, nella speranza di catturarlo e di ucciderlo: forse ciò sarebbe stato sufficiente a dare una nuova possibilità a suo figlio.
Ma Gwion, ora in possesso della capacità di vedere e prevedere, si diede alla fuga, per sfuggire all'ira della dea. Egli si trasformò in una veloce lepre, per meglio nascondersi tra l'alta erba dei pascoli e per essere più veloce nella corsa. Cerridwen, allora, si trasformò in un levriero velocissimo, per meglio inseguire la lepre.
Gwion, poi, si gettò nel lago e si trasformò in pesce, mentre Cerridwen si trasformò in una lontra, abilissima nuotatrice. Uscito dall'acqua del lago, Gwion divenne un uccello, ma la dea, assunte le sembianze di una civetta predatrice, continuò ad inseguirlo.
Infine, spossato per la lunga corsa e vedendo che non riusciva a sfuggire all'inseguimento di Cerridwen, Gwion pensò di trasformarsi in un piccolo chicco di grano, quasi invisibile ad occhio umano, e se ne stette nascosto tra la polvere dell'aia di un casolare. Ma la dea, a sua volta, si trasformò ancora: questa volta divenne una gallina e, beccando qua e là nell'aia, alla fine trovò il chicco di grano e lo ingoiò.
Gwion, nonostante i nuovi poteri acquisiti, era stato sconfitto. Così pensò Cerridwen che assunse nuovamente le sue naturali sembianze di dea e tornò al castello desolata. Ma l'incantesimo non era finito, nonostante le apparenze. Infatti il seme di grano, che in realtà era il seme di Gwion, diede l'inizio, nel corpo della dea, ad una nuova vita. Dopo ventotto lune, infatti, Cerridwen diede alla luce un bimbo, un bimbo radioso, bellissimo, magico.
Era talmente bello e luminoso che la madre lo chiamò Taliesin, che significa splendida fronte. Egli crebbe e divenne sempre più bello e sempre più luminoso: la sua voce aveva il potere di incantare tutti gli esseri viventi e di espandersi, come musica ammaliante, sulla foresta, nel cielo, nei monti, ovunque...
Leggi tutto...
Vaccataloadingricarica
Avatar T3SLA
T3SLA: Lachiavesegreta Piace molto anche a me 😊
 2
18 Giugno alle ore 07:54 · Ti stimo  · Rispondi
Avatar Lachiavesegreta
Lachiavesegreta: T3SLA Taliesin è anche l'ultima incarnazione del Merlino di Britannia, conosciuto da noi come Mago Merlino, maestro di Arthur Pendragon, detto Re Artù.
 3
18 Giugno alle ore 07:56 · Ti stimo  · Rispondi
Avatar T3SLA
T3SLA: Lachiavesegreta Sì,lo sapevo...ma non conoscevo la favola che hai postato 😀
So che ci sono diverse versioni del ciclo Arthuriano...a me personalmente piace molto Morgana...ehmehmehm,per lo meno una delle "versioni"che conosco.
 2
18 Giugno alle ore 08:10 · Ti stimo  · Rispondi
Avatar Lachiavesegreta
Lachiavesegreta: T3SLA Morgana e Merlino.... Beh tanta roba...taluno sostiene che essi ancora vaghino per il mondo, cercandosi e respingendosi per l'eternità!
 2
18 Giugno alle ore 08:14 · Ti stimo  · Rispondi
Avatar T3SLA
T3SLA: Lachiavesegreta "il bene e il male" in un certo senso...Ti auguro una buona giornata; credo che mi piacerà molto leggerti!
 2
18 Giugno alle ore 08:17 · Ti stimo  · Rispondi
Avatar Lachiavesegreta
Lachiavesegreta: T3SLA ti ringrazio 😊
 2
18 Giugno alle ore 08:20 · Ti stimo  · Rispondi
avatar
ok
Vaccata
Avatar JohnnyB
JohnnyBlivello 10
8 Maggio - 4.595 visualizzazioni
Buonanotte Facciabuco!!
Vaccataloadingricarica
 Stime: 23
 Commenti: 16
Vasco Rossi Leggende Mamma Mio figlio 
Avatar STEF60
STEF60: Buongiorno Amico buona domenica 🥐🥐🥐☕☕
 3
9 Maggio alle ore 05:58 · Ti stimo  · Rispondi
Avatar Celeste
Celeste: Buona domenica ragazzo
 2
9 Maggio alle ore 06:55 · Ti stimo  · Rispondi
Avatar Semprepersempre
Semprepersempre: Buongiorno Johnny,buona domenica 🙋🏻‍♂️☕🥐
 3
9 Maggio alle ore 07:01 · Ti stimo  · Rispondi
Avatar Undertaker76
Undertaker76: Buona domenica amico mio ☕☕un abbraccio grande Under
 3
9 Maggio alle ore 07:25 · Ti stimo  · Rispondi
Avatar Lalady
Lalady: Vasco sempre sia lodato 👉✌☕🥐
 2
9 Maggio alle ore 08:56 · Ti stimo  · Rispondi
Avatar Azzurra8
Azzurra8: Vasco è Vasco 💛 Buongiorno ☕☀️🌻
 1
9 Maggio alle ore 09:17 · Ti stimo  · Rispondi
avatar
ok
Vaccata
Avatar Valentì
Valentìlivello 8
8 Maggio - 3.816 visualizzazioni
Vaccataloadingricarica
 Stime: 11
 Commenti: 3
Avatar Gargoil
Gargoil: Grande Gilles🤗
 2
8 Maggio alle ore 20:05 · Ti stimo  · Rispondi
Avatar pietranera
pietranera: Gargoil io sono stata fans di Jaques..il figlio..
 2
8 Maggio alle ore 20:08 · Ti stimo  · Rispondi
Avatar Gargoil
Gargoil: pietranera ho adorato Gilles🥰un pilota di quelli "...o tutto, o niente!" capace di farti stare in piedi e soffrire per tutta la corsa👀fra tutte le gare, il duello con Arnoux su Renault a Digione, la vittoria a Montecarlo con la prima Ferrari turbo...un mito!
 2
Vaccataloadingricarica
8 Maggio alle ore 21:30 · Ti stimo  · Rispondi
avatar
ok
Barzelletta
Avatar K55
K55livello 10
6 Maggio - 16.107 visualizzazioni
Ciauuuu cari facciabuchini!

Spero che sia tutto ok abbraccio!!!

Eccomi con una nuova barzelletta, sempre a sfondo erotico😅😂
Quest'oggi è a tema dottori e test particolari...


Prima di "raccontarvi" la barzelletta, però, vorrei ricordare un evento orribile che esattamente 45 anni fa è accaduto nel mio territorio stupendo: infatti il 6 maggio 1976, alle 21 circa, un potentissimo terremoto ha colpito tutta la zona a nord di Udine, la Carnia e i territori circostanti. Io ovviamente non ero ancora nata, ma sentire i racconti della ricostruzione e di tutte le mani che ci hanno aiutato mi ha fatto commuovere... per onorare questa terra che ho nel cuore vi lascio una piccola leggenda che si tramanda da secoli, da cui prende anche il nome questo terribile evento: infatti quel terremoto è anche chiamato "Orcolat" (in italiano si potrebbe tradurre con "orco", però con un'accezione molto dispregiativa), come la figura della nostra tradizione che si pensa che sia alla base di tutta la distruzione a cui i miei compatrioti hanno assistito...
Non sono una che fa post per ricordare alcuni eventi, ma questo però mi è nel cuore...💝💞

Dopo questa piccola finestra del mio cuore vi lascio alla attesissima (almeno spero) barzelletta!!!


Un giorno un famoso professore, che vuole dimostrare che una persona che fa sesso più frequentemente è più felice di una che lo fa meno spesso, fa un test per avvalorare la sua ipotesi.

Durante una conferenza sale su un palco. Gli spettatori solo degli scienziati famosissimi.

Si schiara la gola, guarda bene i presenti in sala e comincia a fare alcune richieste.
"Si alzino in piedi tutti coloro, che fanno sesso una volta al giorno". La folla urlante: "siamo noiii siamo noiiiiiiii!!!"
Li guarda, poi li fa sedere.
Appena si sono tutti rimessi al posto, di nuovo si avvicina al microfono.
"Si alzino in piedi tutti coloro che fanno l'amore una volta alla settimana". Quelli chiamati in causa si alzano e rispondono:"Siamo no! siamo noi!"
Li fa sedere e continua. "E ora si alzino in piedi tutti coloro che fanno sesso una volta al mese"
Un po' fiappetti si alzano: "...sì siamo noi...".

Il professore se ne accorge e chiede loro: "I primi erano felicissimi, i secondi un po' meno... voi siete contenti?".
Uno di loro risponde: "sì... insomma... tanto lo facciamo lo stesso". Gli altri in piedi annuiscono.

Il professore sta un attimo in silenzio e poi si rivolge agli scienziati: "Vedete come cala la felicità in base alla frequenza?".
Gli spettatori cominciano a bisbigliare tra di loro e si accorgono che effettivamente è così.

Per farli convincere ancora di più il professore urla a gran voce: "e oraaaa si alzino in piedi tutti coloro che fanno sesso una volta l'anno".

Ad un certo punto un vecchietto in fondo alla stanza si alza e comincia a saltellare tutto gioioso. "Sono ioooooo! eheheh evviva!!! sono io sono io!!!".
Il professsore, sgomento, afferma: "scusate scenziati, non avrà sentito..."

Lo fa sedere e dopo qualche secondo rifà la domanda, ma di nuovo il vecchietto: "sono ioooooo sono io sono io evviva che bello sono io!eheheh". Salta, balla e grida con un bellissimo sorriso stampato.

A questo punto il professore, molto molto stupito, gli domanda: "ma scusi, come mai lei che fa sesso così poco frequentemente è così contento?"

Il vecchietto, ancora euforico, risponde immediatamente al professore: "Vede professore, questa unica volta mi tocca stasera!"


Alla prossimaaaa!😘😘😂😂😂🤗🤗🤗
Leggi tutto...
Orcolat e barzelletteloadingricarica
Avatar K55
K55: Ciauu caraaa Giuditta
 3
22 Maggio alle ore 15:45 · Ti stimo  · Rispondi
Avatar Gegia
Gegia: Buon weekend abbracciocuore
 3
22 Maggio alle ore 16:40 · Ti stimo  · Rispondi
Avatar K55
K55: Grazieee Gegia
 3
22 Maggio alle ore 16:44 · Ti stimo  · Rispondi
Avatar Bomber9
Bomber9: 😎
 1
23 Maggio alle ore 15:08 · Ti stimo  · Rispondi
Avatar gashesofthesoul
gashesofthesoul: Mi ha tirato giù la casa nel76 l'orcolat.
 1
12 Giugno alle ore 15:40 · Ti stimo  · Rispondi
Avatar K55
K55: Dove abitavi?🤗 in Veneto sul confine o proprio qui in Friuli? gashesofthesoul
13 Giugno alle ore 03:21 · Ti stimo  · Rispondi
avatar
ok
Vaccata
Avatar Barese
Bareselivello 12
26 Aprile - 3.812 visualizzazioni
Vaccataloadingricarica
 Stime: 23
 Commenti: 8
Emoticons Mamma Leggende 
Avatar Fenizy
Fenizy: Resta umile brava😂😂
Buona serata 😁🌹
 2
26 Aprile alle ore 21:46 · Ti stimo  · Rispondi
Avatar Cataleya
Cataleya: Uellaaa! 😃
 3
26 Aprile alle ore 21:46 · Ti stimo  · Rispondi
Avatar hamilton89
gif animata
 Animazione Leggera (0.40 Mb)
26 Aprile alle ore 21:48 · Ti stimo  · Rispondi
Avatar pietranera
pietranera: Che look che usi...🤭
Ciao a domani 🍹😘
 3
26 Aprile alle ore 21:49 · Ti stimo  · Rispondi
Avatar Lya
Lya: Buonanotte 😍🌟
 3
26 Aprile alle ore 22:15 · Ti stimo  · Rispondi
Avatar ioveramente
gif animata
 Animazione Leggerissima (0.02 Mb)
26 Aprile alle ore 22:17 · Ti stimo  · Rispondi
avatar
ok
Chiacchiera
Avatar Iside8
Iside8livello 10
17 Marzo - 2.399 visualizzazioni
Ecco occhi3hihifumo😛😂😂😂
L'occhio marrone è il più diffuso, però al contrario degli altri ha una storia dietroloadingricarica
Avatar Paolo369
Paolo369: ....ma poi perché te ne sei andato?
 1
17 Marzo alle ore 16:37 · Ti stimo  · Rispondi
Avatar Iside8
Iside8: Paolo369 solo gli occhi ha baciato pe piagne 😛😂😂😂😂
 1
17 Marzo alle ore 16:38 · Ti stimo  · Rispondi
Avatar Paolo369
Paolo369: Iside8 ma li mortacci sua!
 1
17 Marzo alle ore 16:40 · Ti stimo  · Rispondi
Avatar Anticorpo
Anticorpo: Si...così vi raccontano...🤭😉
 1
17 Marzo alle ore 17:09 · Ti stimo  · Rispondi
Avatar Iside8
Iside8: Anticorpo lo dice hai letto 🙄🤷😂😂😂😂
 1
17 Marzo alle ore 17:21 · Ti stimo  · Rispondi
Avatar cavaonde
Vaccataloadingricarica
17 Marzo alle ore 18:36 · Ti stimo  · Rispondi
avatar
ok
Chiacchiera
Avatar AmicodiLiborioMax
4 Gennaio - 2.746 visualizzazioni
E niente,il clima è sempre più surreale...
😩😥😟
BladeRunner ..."2021"

Occhei occhei Signore e signori
😴👉 "BUONDOMANI" ✨🏃‍♂️🎈📵🔇🤞
Vaccataloadingricarica
Avatar Siuan
Siuan: Pare che già ci siano in commercio delle donne robot appositamente create per lo scopaggio
 2
4 Gennaio alle ore 22:50 · Ti stimo  · Rispondi
Avatar AmicodiLiborioMax
AmicodiLiborioMax: Siuan ...meritiamo l'estinzione?...è probabile."Buondomani" si;)lunaciao🤞
 1
4 Gennaio alle ore 22:53 · Ti stimo  · Rispondi
Avatar ScarlettRed
ScarlettRed: Siuan stanno già tutti su Google a cercare😂😂😂
 2
4 Gennaio alle ore 22:55 · Ti stimo  · Rispondi
Avatar Siuan
Siuan: AmicodiLiborioMax notte 😴😴🌜
 1
4 Gennaio alle ore 22:55 · Ti stimo  · Rispondi
avatar
ok
loading caricamento post