Chiacchiera
Avatar Ali
Alilivello 10
4 Maggio - 4.390 visualizzazioni
"Omofobo non è chi dice “frocio” né chi ci scherza: è chi odia i gay e ne parla con cattiveria. Le migliori battute sui gay le fanno i gay, anche definendosi “froci”. Il nostro compianto Paolino Isotta lo era, ma pretendeva di essere chiamato “recchia” o “recchione”. Omofobo pure lui? Lo stesso vale per l'antisemitismo: le più belle battute sugli ebrei sono quelle che gli ebrei si fanno da soli (la grande tradizione yiddish). Perché non dovrebbero poterle fare anche i non ebrei? Dipende sempre dallo spirito, dai toni, cioè dalla testa. Si può, anzi si deve scherzare su tutto. Altrimenti diventa omofobo pure Totò. E i fratelli Grimm, con i sette nani, erano body-shamer."


Riflessioni...
Vaccataloadingricarica